Il fotovoltaico ancora da essere testato nella pratica

Il fotovoltaico ancora da essere testato nella pratica

Autore: Dr. Lorenc Gordani

Consulente legale sul mercato dell’energia in Albania

il fotovoltaico ancora da da testare da lorenc gordani fotovoltaico ancora da testare da il fotovoltaico ancora da testare ancora da testare da lorenc

Sempre di più il “club” delle aziende che stanno vedendo ad investire all’energie alternative si sta allargando. E ciò continua nonostante il passare di un anno dall’introduzione della scema di net-metering e il continuo trascinarsi di definire delle questioni tecniche e finanziare. Fatto è che già al primo momento che un azienda investe per coprire la domanda di base inizia a risparmiare almeno l’equivalente dalla bolletta.

Tuttavia, anche dal recente riunione del Consiglio Nazionale del Territorio, dove tra l’altro è stato dato il via libera allo sviluppo degli altri 4 impianti idroelettrici, e mancato la discussione su impianti fotovoltaici dal primo pacchetto di 20 MW. Confermando che tra il dilemma idroelettrico o fotovoltaico, gli sviluppatori fanno affidamento alle competenze già consolidate sulle centrali idroelettriche.

A questo proposito, le ragioni possono essere molte, ma il fatto è che la capacità limitate offerte fino qui non sono stati sufficienti per attirare l’attenzione delle aziende veramente internazionali. Un problema formalmente che troverà un rimedio dal lancio di gare internazionali per centrali elettriche che vanno da 10 a 30 MW (e forse fino a 50 MW) per un totale di 100 MW.

Ma la domanda fondamentale che si pone è se con il quadro attuale ci sono certezze che le aziende che saranno coinvolte avranno gli strumenti e le competenze necessarie? Una soluzione che verrà affrontato in radice dalla stesura stessa dei criteri e delle condizioni delle aste sopra menzionate, che tra le altre si stano sviluppando in collaborazione con la BERS.

D’altra parte, per quanto riguarda le centrali idroelettriche, ci sono voluti più di due decenni per arrivare alla situazione di oggi. Ciò rende normale il prevedere di impiegare diversi mesi per ottenere i primi risultati ai sistemi fotovoltaici. Finora sono stati installati solo poche centinaia di kW, e naturalmente la maggior parte sono aziende che investono nell’energia fotovoltaica per il loro consumo interno.

Tuttavia, l’idea che si fa dai contatti fino qui è che l’analisi delle prestazioni dei singoli tipi di pannelli, come l’efficienza complessiva del sistema, spesso diventa superficiale o approssimativa. Come nella fretta, vengono acquistati i pannelli da fornitori con pochi referenze e senza garantire la continuità del loro lavoro in loco. Pagamenti, che a volte avvengono anche per chilogrammo, e non pensando a prestazioni e costi di manutenzione a lungo termine.

Ma i problemi che possono sorgere se non si fa la dovuta diligenza tecnica possono essere tanti (rischiando il ripetere degli errori fatti al idroelettrico). Per evitare i quali, bisogna iniziare da misurazioni di radiazioni con programmi software certificati. Completamento degli studi tecnici, non solo per superare i requisiti minimi richiesti per legge, ma per valutare la validità stessa del progetto. Adattando di soluzioni tecnico-legali e avvio dei lavori di l’implementazione solo con fornitori autorizzati e certificati EPC. Così come è interessante pensare per tempo ai costi nascosti di manutenzione e agli strumenti necessari tecnici e finanziari di sicurezza.

Pertanto, tenendo presente che problemi analoghi nel settore fotovoltaico sono stati verificati in tutti i paesi dell’Unione Europea, in particolare perché alcuni come i nostri vicini l’Italia, la Grecia, sono entrati in una curva d’investimento accelerata a breve tempo, si spera che ciò verrà gestito tempestivamente dalle autorità responsabili, senza compromettere l’efficacia di generosi incentivi pubblici o tutta la fiducia in se stesso posta nella nuova tecnologia fotovoltaica.

Nota: I diritti e l’opinione espresse in questo articolo appartengono al suo autore. Nonostante tutti gli sforzi compiuti per garantire l’accuratezza di questa pubblicazione, quanto qui non intende fornire consulenza legale in quanto le singole situazioni possono differire e dovrebbero essere discusse con un esperto. Per qualsiasi consulenza tecnica o legale specifica sulle informazioni fornite e argomenti correlati, si può contattare attraverso l’indirizzo e-mail “lorenc_gordani@albaniaenergy.org”.

Most Read Publications

Most Visit Section

 4,568,408 total views,  2 views today

Lascia un commento

This website uses cookies. By continuing to use this site, you accept our use of cookies. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: